TOP NEWS     CRONACA     SPORT      GIOCHI     ECONOMIA     POLITICA     ATTUALITA'     EVENTI     CULTURA     INTERVENTI      rss

Asset Banca   auto San Marino   Banca CIS     Ricerca Hotel   TMS - Telefonia Mobile Sammarinese   APAS Associazione Protezione Animali Sammarinese

BCS, Asset: nessun rischio “Credito Sammarinese bis”

Asset Banca[c.s] Il 24 febbraio scorso Asset Banca ha firmato l’accordo per l’acquisto di Banca Commerciale Sammarinese, avvenuto in un contesto di emergenza con l’intento di compiere un salvataggio in favore del sistema bancario, consapevole che solo nel lungo termine l’operazione potrà rivelarsi anche un investimento. Ciononostante si continuano a leggere notizie che non sembrano rispondere all’obiettivo di fare cronaca ma piuttosto a quello di creare panico. E ciò a dispetto delle rassicurazioni giunte, non più di qualche giorno fa, dalla stessa Asset Banca, alla quale premeva informare i depositanti e i cittadini che i propri dipendenti stavano lavorando, in maniera straordinaria, al censimento di tutte le posizioni per permettere ai correntisti di potervi accedere al più presto, non più tardi dei primi giorni della prossima settimana.
Si leggono al contrario notizie prive di fondamento che non tengono conto dei fatti, paventando come possibile un Credito Sammarinese bis, acquisti di soli titoli profittevoli, ecc, quando le cose stanno in maniera molto diversa perché tale rischio è stato sensibilmente ridotto il giorno dell’acquisto da parte di Asset Banca. La speranza è dunque quella che si torni a fare cronaca, raccontando ciò che sta realmente accadendo all’interno di una banca dove si sta facendo il massimo per tutelare i correntisti e salvare il più possibile unità lavorative.

Asset Banca S.p.A.


1 Commento a “BCS, Asset: nessun rischio “Credito Sammarinese bis””


  1. 1victor

    Ma non c’è dubbio che Asset si stia prodigando per il meglio e questo le fa onore.
    Però già il fatto che in un comunicato stampa si parli di “rischio sensibilmente ridotto….” significa che il rischio c’è e c’era anche prima e chi ha trovato questa soluzione era a conoscenza di una situazione di rischio o, peggio, di insolvenza della banca, soprattutto dopo il venire meno dell’acquirente estero.
    Il destino non voglia che qualche fornitore, dipendente o che altro di BCS faccia istanza di fallimento (leggasi liquidazione coatta) !!!!
    Altrimenti chi ha continuato a fare proclami sulla solidità e liquidità della BCS e chi ha architettato questa soluzione avrà difficoltà a renderne conto nelle sedi competenti !!!

Lascia un commento

Moderazione dei commenti