TOP NEWS     CRONACA     SPORT      GIOCHI     ECONOMIA     POLITICA     ATTUALITA'     EVENTI     CULTURA     INTERVENTI      rss

Asset Banca   auto San Marino   Banca CIS     Ricerca Hotel   TMS - Telefonia Mobile Sammarinese   APAS Associazione Protezione Animali Sammarinese

Fisco, Usl: lavoratori perdono una mensilità

Segretario-Generale-USL---Francesco-Biordi[San Marino Oggi] Una perdita netta del potere d’acquisto della busta paga pari al 13,31% che in moneta sonante significa una decurtazione pari a 2619,48 euro. Ammonta a tanto, la perdita del potere d’acquisto rispetto al 2010, elaborata dall’Usl, in base alle nuove leggi di riforma fiscale e finanziaria e che i lavoratori dipendenti del settore pubblico subiranno già con tagli evidenti il prossimo 27 gennaio. Si tratta, spiegano dall’Usl, di “proiezioni considerando i dati delle retribuzioni medie del settore pubblico e del settore privato a San Marino”, basate “sugli ultimi dati forniti dall’Upeced”. Per quanto riguarda il settore privato (come esempio è stato preso il contratto servizi), la perdita è dell’11,43% pari ad una perdita secca di 1616,01 euro. Ma ci sono anche altri segni meno, come il calo del reddito netto per effetto delle nuove tasse, gli aumento delle spese per carburante, delle utenze e il più 20% del bollo auto grazie alla riforma fiscale. A ciò sia aggiungono, stigmatizza alla stampa l’Usl, “molti articoli della finanziaria discriminanti e pericolosi”, come quelli sui prepensionamenti, dia limitazione delle prestazioni sanitarie per badanti e lavoratori stagionali” e i tagli della busta paga dei precari della Pa del 26,5% il primo anno, del 21,5% il secondo per poi arrivare al regime del 6,5% il terzo anno. A fare il conto dei vari effetti degli interventi fiscali del governo, e non solo, dal 2010 fino al “Fisco Felici” appena approvato e alla finanziaria al vaglio del Consiglio Grande e Generale ci ha pensato l’Unione sammarinese dei lavoratori. I dati prendono appunto come esempio la retribuzione media sia dei dipendenti della Pa, sia di quelli nel privato del settore servizi. Pesanti gli effetti in busta paga, attenuati un po’ solo per i frontalieri, per il quali il calo si ferma al 5%, ma solo per effetto dei tagli subiti negli anni passati. La finanziaria, attacca il segretario generale, Francesco Biordi, “complica la tenuta sociale del sistema”, ma pare che la popolazione non ne abbia grande consapevolezza dato il flop della manifestazione della settimana scorsa sul Pianello. Per le parti sociali, prosegue, è stato difficile solo confrontarsi, dato che il testo variava in continuazione. A preoccupare sono soprattutto i “prepensionamenti coatti nel pubblico e quelli nel privato che incidono sul fondo pensioni, la norma del transitorio fiscale che potrebbe fare slittare gli accertamenti, i tagli lineari nella Pa”. Secondo il segretario della federazione Pubblico impiego, Giorgia Giacomini, “nella fiscalità ci sono diverse lacune mentre gli accertamenti sono quasi inesistenti. Sulla finanziaria aggiunge – ci voleva maggiore confronto”. Mentre per la collega all’Industria, Francesca Busignani, “c’è troppa burocrazia, fanno gli splendidi con i conti correnti degli altri”. Inoltre, stigmatizza, “ci cono parecchie ditte che non pagano i contributi ai dipendenti. Si rischia un bis di quanto avvenuto per la monofase, perché non ci sono controlli?”. Insomma l’Usl boccia la politica fiscale del governo, “si assumeranno loro le responsabilità di quello che fanno”, manda a dire Biordi, ma per ora non sposa la linea dura della Centrale sindacale unitaria che ha annunciato un inverno di fuoco con il blocco a scacchiera dei servizi a partire da gennaio. “Nei prossimi mesi vedremo se prendere iniziative – commenta Biordi – l’applicabilità degli articoli va verificata”. E si aspetta forse che se ne accorgano anche i lavoratori della stangata: appuntamento il 27 gennaio per quelli pubblici e il 10 febbraio per quelli privati con la prima nuova busta paga.
San Marino Oggi


4 Commenti a “Fisco, Usl: lavoratori perdono una mensilità”


  1. 1angela

    Ma guarda un po’: l’Usl ha scoperto che il potere di acquisto degli stipendi è diminuito. Eppure solo pochi mesi fa si era opposto al Referendum Salvastipendi. Strano, no?

  2. 2Italians go Talents

    L importante è aver tolto l”art 56, e franchigia !!!!

  3. 3giuseppe mazzini

    Cittadini!!! Vedrete che alle prossime elezioni i miei amici metteranno tutto a posto

  4. 4Italians go Talents

    Se ci sarà una prossima volta……..

Lascia un commento

Moderazione dei commenti